mercoledì 6 marzo 2013

VECCHI CINEMA, VECCHI TEMPI

Uno degli aspetti che ha stupito e divertito il mio amico Paolo Drago è che io abbia conservato persino i biglietti del cinema dei tempi delle nostra adolescenza.
In realtà, per qualche misterioso impulso archivistico, mi limitavo ad inserirli nelle pagine dell'agenda. E non sempre.
Così sono andato a dare un'occhiata, e ho trovato cosette interessanti.









...e ventisette anni dopo, girando "L'altra metà del cielo"...



In alcuni casi, ritagliavo addirittura la locandina dal giornale e poi c'è l'abitudine all'uso del cognome come strumento di riconoscimento, in parte dovuto ad un retaggio scolastico in parte al fatto che i Paoli, i Roberti, i Giorgi etc. erano così numerosi che solo chi deteneva un soprannome - vedi Speedy e me - erano citabili con il solo nome proprio.














Sono anche curiosi i giudizi,  ancora sommari ma appassionati, pur se affidati all'impulso di uno spettatore invidiabilmente naif com'ero io a diciannove anni. 







Questa la metto proprio per noi tre. Perchè se penso che pochi mesi fa ce ne andavamo a zonzo insieme per Torino con lo stesso spirito che ci ha guidati a Sauze quel lontano venerdì, mi pare che una rievocazione a parte ce la meritiamo.






E qui sì, avevo proprio perso la testa. 
Quel film, in realtà, parlava di bianchi ma io friggevo di identificazione con il mondo indiano, volevo a tutti i costi in qualche modo diventarne parte.
Però non lesinavo di segnalare anche fatti secondari, come il fratello di Simonetta. 








In questo caso la notizia principale è, naturalmente, l'annuncio dell'arrivo di My Py e di Anna...



Questa era My Py L.M. allora...



...e questa è Anna M. oggi 
(vedi post 13 ottobre 2011)



...e poi il film.






Concludo partendo dal fondo della paginetta del diario, con l'annuncio dell'avvicinarsi delle vacanze di Natale, vacanza che mi par di aver esplorato nelle pagine di questo blog fin dall'inizio.
E poi, naturalmente, i vecchi cinema, i vecchi film e i vecchi memorialisti.









Nessun commento:

Posta un commento